Cosa facciamo

0

LILT sez. provinciale di Lecce attraverso le sue delegazioni e gruppi attivi si occupa di:

PREVENZIONE PRIMARIA
Le attività di prevenzione primaria hanno l’obiettivo di ridurre e idealmente evitare la formazione di tumori.
Una corretta strategia di prevenzione primaria non solo identifica le cause e i fattori di rischio oncologico, deve soprattutto valutare, sorvegliare e correggere le esposizioni delle popolazioni e del singolo a tali fonti di malattia.
I consigli di prevenzione possono essere diretti a tutta la popolazione (per esempio quelli che riguardano il modo corretto di alimentarsi o di fare attività fisica) o a particolari categorie di persone considerate ‘ad alto rischio’ (per esempio i fumatori).

PREVENZIONE SECONDARIA O DIAGNOSI PRECOCE
le Delegazioni LILT offrono consulenze specialistiche gratuite corredate da interventi di educazione sanitaria per informare e sensibilizzare alla tutela della salute. I servizi si erogano su prenotazione contattando le delegazioni di riferimento.

ASSISTENZA DOMICILIARE E VOLONTARIATO
L’Assistenza Domiciliare Oncologica (ADO) è nata nel 1996 da un pionieristico progetto LILT di Lecce per i pazienti in fase avanzata di malattia e per i loro familiari. L’attività a domicilio si ispira al principio di garantire al malato la continuità di cure tra ospedale e domicilio, colmando una domanda di prestazioni sempre in crescita, considerato purtroppo il trend in aumento delle patologie neoplastiche nel territorio salentino.

FORMAZIONE
L’attività di formazione LILT mira a preparare i Volontari/e fornendo loro conoscenze e strumenti idonei a operare nelle diverse attvità associative a carattere sociale, segretariale, informativo e di accompagnamento al malato/famiglia.

RICERCA AMBIENTE E SALUTE
La LILT prov.le di Lecce si impegna a diffondere conoscenze e dati scientifici sulle cause e sui fattori ambientali nella genesi del cancro (www.geneosalento.it)
In sinergia con le realtà istituzionali e del terzo settore presenti nel territorio porta avanti iniziative di sensibilizzazione e di informazione per aumentare i livelli di consapevolezza e di responsabilità sociale.
E’ in prima fila per il diritto alla Salute e alla Qualità di Vita secondo i principi della sostenibilità ambientale.

Condividi