NUOVE ACCUSE AL GLIFOSATO

0

 

Un tribunale di San Francisco sancisce la responsabilità del Roundup nell’aver causato un tumore in una persona che lo aveva utilizzato a lungo nelle sue proprietà

Il colosso tedesco della farmaceutica Bayer subisce una nuova grave sconfitta a causa del pesticida Roundup prodotto dalla sua divisione di agrochimica Monsanto, accusato di provocare il cancro. Una giuria di San Francisco, al termine di un processo durato nove giorni, ha concluso che l’esposizione al Roundup è responsabile del tumore sofferto da Andrew Hardeman, che lo aveva utilizzato per 26 anni nelle sue proprietà rurali della California settentrionale.

I sei giurati, in una seconda parte del procedimento, dovranno ora prendere in esame se l’azienda ha tenuto nascosti i rischi per la salute e se e quali danni debba pagare, una decisione che potrebbe imporre ingenti risarcimenti. Il titolo di Bayer crolla in Borsa alla notizia, con una flessione del 10 per cento a poco più di 62 euro.

I precedenti non sono favorevoli a Bayer. Lo scorso agosto un altro caso simile, il primo in assoluto ad arrivate in aula contro l’erbicida e deciso da una giuria sempre a San Francisco, la vide colpita da una condanna a versare 289,2 milioni di dollari poi ridotti dal giudice a 78,5 milioni. Bayer ha presentato un appello ancora in corso.

Quell’iniziale verdetto e sentenza avevano messo sotto pressione le azioni del gruppo tedesco all’indomani del completamento della colossale acquisizione da 63 miliardi di dollari di Monsanto, che aveva portato in dote il Roundup a base del controverso diserbante glifosato.

E la decisione negativa di un secondo tribunale, secondo gli analisti, dovrebbe mantenere alta o aumentare ancora la tensione.

La saga non è infatti vicina ad una conclusione. Complessivamente negli Stati Uniti ci sono 11.200 tra agricoltori, giardinieri e consumatori che hanno presentato denuncia attribuendo effetti nocivi al diserbante. Sei ulteriori casi dovrebbero iniziare entro la fine di quest’anno. Tra i tumori che Roundup è accusato di indurre c’è il linfoma non-Hodgkin.

Bayer si è difesa. Ha risposto alla nuova sentenza affermando di «continuare a credere fermamente che la scienza confermi come gli erbicidi a base di glifosato non causino il cancro». L’azienda tedesca cita l’esistenza di 800 tra studi e prese di posizioni di autorità di regolamentazione che testimonierebbero della sicurezza della sostanza. Ma nel 2015 la International Agency for Research on Cancer, parte dell’Organizzazione Mondiale della Sanita’, aveva classificato il glifosato come probabilmente carcinogeno per gli esseri umani, dando credito a ricorsi in tribunale e interventi di authority nazionali.

 

Condividi