SGPT – Progetto pilota in Salento (maggio 2019 – ottobre 2020)

0

PRIMI STATI GENERALI DELLA PREVENZIONE DEI TUMORI NEL SALENTO

Un evento pilota, proposto dalla nostra Sezione Provinciale, sulla scorta di un’iniziativa tenuta in Francia lo scorso novembre. Si mira al coinvolgimento corale della società per lanciare la sfida al cancro sul decisivo fronte della prevenzione primaria

Per ogni aggiornmaento >>> Pagina FB: SGPT Salento

Con un deciso cambio di approccio culturale nell’affrontare la malattia cancro, l’attenzione verrà posta su tutto ciò che si potrà fare concretamente e collettivamente per evitare che essa insorga, e non più solo sulle misure con cui si tenta di arginarla una volta che si sia manifestata.

Grazie all’esperienza acquisita direttamente “sul campo”, anche per aver alcuni delegati della LILT di Lecce, su benestare della sede centrale, partecipato alla manifestazione parigina del 21 novembre 2018, è stato approntato un progetto denominato “Primi Stati Generali della prevenzione dei Tumori nel Salento. Ambiente e salute in provincia di Lecce: esperienza pilota di indagine conoscitiva socio-istituzionale e relativa proposta di un modello di sviluppo sostenibile”.

Tale progetto, che verrà avviato nell’anno in corso, verrà concluso nell’autunno del 2020.

L’obiettivo primario di questo progetto di ricerca è quello di giungere a tracciare le grandi linee di una politica di prevenzione dei tumori che tocchi tutti gli aspetti riguardanti i comportamenti individuali, l’ambiente, il mondo del lavoro e quello dell’educazione. Obiettivo secondario è la realizzazione di un documento (Libro Bianco) con 10 proposte specifiche per 10 settori, sintesi delle indicazioni dei laboratori tematici, consultazione pubblica on-line e osservazione dei soggetti coinvolti, da presentare al Ministero della Salute.

II progetto prevede la realizzazione in parallelo di cinque fasi principali:

A) attivazione dell’iniziativa Una delegazione LILT, una scuola, dedicata al target scolastico. Saranno coinvolti studenti della scuola secondaria (11-14 anni) che esprimeranno il loro livello di percezione circa i diversi aspetti della prevenzione primaria, e in particolare di quella ambientale, attraverso analisi e proposte multimediali.

B) istituzione di 10 laboratori tematici guidati da un gruppo di esperti (da 3 a 5) sui seguenti temi:

  1. fattori di rischio e fattori di protezione
  2. modifica del comportamento collettivo e individuale
  3. politiche di prevenzione
  4. cancro e lavoro
  5. cancro e ambiente
  6. democrazia e prevenzione del cancro
  7. disuguaglianze di accesso alla prevenzione
  8. screening e vaccinazioni: andare oltre le polemiche
  9. gli attori della prevenzione dei tumori: verso una professionalizzazione
  10. educazione e prevenzione del cancro
    C) attivazione della consultazione pubblica on-line: attivazione di piattaforma web dedicata sul tema della prevenzione dei tumori attraverso i temi indicati al punto B).
    D) rappresentazione pubblica dei risultati: si prevede l’organizzazione di un convegno e di tavole rotonde per la diffusione, condivisione e discussione del Libro Bianco. Nell’occasione saranno mobilitati gli studenti degli istituti coinvolti, gli addetti ai lavori dei laboratori tematici, i rappresentanti delle istituzioni pubbliche e private partner.
    E) attività di monitoraggio/analisi dei dati raccolti; verifica degli stati di avanzamento e delle azioni progettuali secondo criteri di effïcacia e di efficienza; customer satisfaction: misurare la soddisfazione dei benefïciari diretti e indiretti, delle risorse umane e degli stakeholder.

Gli strumenti metodologici di cui ci si avvarrà sono i seguenti: questionario, focus group con l’esperto, laboratorio di apprendimento esperienziale e socio-educativo, stesura di report, indagine online su piattaforma dedicata e analisi delle ricorrenze circa i risultati più comuni e analizzarli nel tempo (content analysis), elaborazione editoriale del Libro Bianco del progetto di ricerca.

Lo studio ha l’obiettivo di arruolare oltre 280 benefïciari al fine di consentire analisi di sottogruppi significativi. A ogni destinatario (ad es. istituto scolastico) è richiesto l’arruolamento di almeno 10 studenti. Lo studio statistico includerà anche l’analisi dei dati emersi dalla piattaforma on-line organizzata sui 10 temi. Sara svolta analisi statistico-descrittiva utilizzando opportuni indici quali posizione, dispersione e altri parametri significativi; saranno inoltre prodotte rappresentazioni grafiche dei risultati ottenuti.

Nel lungo periodo, sono attesi lo sviluppo e la disseminazione, nei destinatari degli interventi attuati dal progetto, di un accresciuto senso di appartenenza consapevole al territorio in cui si vive, unitamente alla adesione e proattività verso modelli di vita sostenibili nonché propulsori di innalzare la Quality of Life (per gli organismi viventi tutti: piante, animali, umani). L’elaborazione del Libro Bianco (vere e proprie Linee Guida) farà sintesi della produzione intellettuale raccolta; consentirà feconda e preziosa confrontabilità tra gli output educativi; darà impulso all’investimento della ricerca nell’ambito della prevenzione primaria mediante progetti controllati e randomizzati sui temi trattati.

Partner del progetto sono la Provincia di Lecce, il Comune di Gallipoli, l’Università del Salento, la ASL di Lecce, Ufficio Scolastico Provinciale di Lecce, Ordini Professionali (Medici, Ingegneri, Architetti, Geometri) e Associazioni di Categoria (Confartigianato, Confcommercio, Confindustria, Organizzazioni Agricole) della provincia di Lecce.

Condividi